Mario Bufano

La butto lì.
Mi piacerebbe che qualcuno un giorno tornasse a visitare quelle nuove realtà  sociali che Sabrina documentava con i suoi reportage. Esperienze di una vita diversa, lontane anni luce dai nostri scenari quotidiani. Penso ai reportage dagli eco-villaggi, dalle cooperative agricole, dalle comunità di accoglienza. Da realtà nate per rinnovare profondamente consuetudini e stili di vita deleteri e assolutamente in contrasto con i concetti di sostenibilità e qualità della vita.

Sabrina era una giornalista di grande spessore al quale univa una grande passione. Sono sicuro che tornare a verificare e documentare quelle esperienze otto o dieci anni dopo, sarebbe stato un impegno che lei avrebbe affrontato con grande entusiasmo e grande professionalità.

E’ possibile che alcune di quelle realtà possano non essersi evolute in senso positivo.  Le difficoltà sono molte e andare controcorrente è un’impresa ardua.  Ma Sabrina, oltre che appassionata, era anche molto pragmatica ed andare a verificare se idee affascinanti fossero riuscite ad avere gambe ed andare avanti, sarebbe stato un progetto giornalistico nel quale si sarebbe buttata a capofitto.
Ho visto che Elena, sua figlia, realizza video e so che vorrebbe provare ad avere esperienze radiofoniche. Vediamo che succede. Tra un po’.

Mario Bufano, Direttore Controradio

Quest'articolo è stato pubblicato in Il premio secondo.... Bookmark il permalink.